Clara mormorava impaziente tra sé e sé mentre frugava nel cestino con l'etichetta "Software a meno di 15$" del negozio Cybex. Matt sarebbe passato quella sera e lei era riuscita a rovesciare il pranzo sul divano, facendo una macchia enorme.

Matt era stato così gentile ad aiutarla da quando si era trasferita nel palazzo, e gli aveva promesso un pasto cucinato in casa - non che sapesse nulla di cucina o di pulizie. Comunque, la cena era il minimo che potesse fare. Dopotutto, Matt non era proprio il suo tipo, quindi non c'era alcuna possibilità che accadesse qualcosa di romantico tra loro. Dopo aver passato tutto il giorno a lavorare sui database, l'ultima cosa che le serviva era una relazione con un programmatore.

Pensando al lavoro, la sua mano si portò istintivamente sul retro del collo, accarezzando la plastica liscia della presa dataport. Era sempre più felice di aver fatto questo investimento. Con i chip adatti, poteva avere accesso immediato a qualsivoglia conoscenza specialistiche, dalla contabilità alla medicina, alla gestione dei database. L'ultimo softchip che aveva acquistato si era ripagato con una promozione e un aumento di stipendio. Naturalmente, c'era anche lavoro extra, quindi non aveva quasi più tempo di praticare le più casalinghe arti della pulizia.

Per questo motivo ora è qui, nel negozio Cybex, alla ricerca di un softchip di gestione domestica Qualcosa che le dica come pulire casa, togliere la macchia dal divano e preparare un pasto passabile nelle tre ore e mezza che le restavano prima dell'arrivo di Matt. Mentre pescava nel cestino delle offerte, notò che tra i vecchi chip " Contabilità ora!" e "Sci alpino reso facile" ce n'erano alcuni della sezione "Adulti" del negozio: "Sex Slave", "Ballerina esotica", "Infermiera insaziabile", ecc. Storse il naso accantonandole "Che razza di malato vorrebbe infilarsi quella spazzatura nel cervello?

Improvvisamente, qualcosa attirò la sua attenzione. Si trattava di un softchip dall'aspetto generico, che ovviamente era stato usato e restituito senza la confezione originale: solo il chip in una busta di plastica. Nessun manuale o istruzioni per l'uso, a soli 4$. Era di una società chiamata E-Chip ed era etichettato "Donna di servizio". In lettere più piccole c'erano le parole "Include un database completo per la pulizia della casa". Guardando di nuovo il suo orologio, Clara decise che avrebbe dovuto accontentarsi. Pagò e tornò alla sua auto. Visto che non aveva tempo da perdere, tirò rapidamente fuori il suo chip di gestione dei database e inserì quello nuovo.

La sua prima reazione fu che non funzionasse affatto. Di solito, quando inseriva un nuovo softchip, la sua mente cosciente era inondata di informazioni confuse. Spesso c'era un sistema operativo a livello cosciente che doveva essere faticosamente navigato attraverso il flusso del pensiero, e ci volevano alcuni minuti per assimilarlo. Clara, tuttavia, non sentiva una simile intrusione. Stava per estrarre il chip quando si rese conto che in realtà funzionava, e ne rimase impressionata. Chiunque avesse programmato questo chip era stato estremamente sottile. Si rese conto che le informazioni di cui aveva bisogno erano lì, e che il chip funzionava a livello subconscio: l'operazione era completamente trasparente. Tutto ciò che doveva fare era rilassarsi e la sua mente cosciente avrebbe saputo esattamente cosa fare. Clara aveva sentito parlare di software così sofisticato, ma non l'aveva mai utilizzato prima d'ora. Si sentiva fortunata di aver trovato un simile affare.

Si rese conto che il tempo correva, e subito seppe che c'era una lista di cose che avrebbe dovuto comprare prima dell'arrivo di Matt quella sera. Per fortuna, il chip sembrava avere un elenco di attività locali, quindi sapeva esattamente dove doveva andare. Per prima cosa, andò in un negozio di prodotti per la pulizia professionale per procurarsi un solvente speciale per il divano e uno spolverino piumato. Non sapeva bene a cosa servisse lo spolverino, ma si rilassò e lasciò che fosse il softchip a prendere le decisioni. Dopotutto, sapeva cosa doveva essere fatto. Poi andò in macchina al mercato e scelse del pesce e altro cibo. Si sorprese della sua ritrovata capacità di scegliere la carne più fresca e al miglior prezzo. Mentre caricava la spesa in macchina, stava per tornare direttamente a casa, ma quando accese il motore si rese conto che c'era ancora una sosta da fare. Doveva andare al negozio di costumi.

Mentre si dirigeva verso la sua destinazione, rimase perplessa su cosa avrebbe potuto trovare in un negozio di costumi. Sembrava stupido. Cercò di accedere consapevolmente al chip per ottenere maggiori informazioni, ma era molto sottile e non sembrava progettato per funzionare in quel modo. Comunque, più ci pensava, più sapeva di dover andare al negozio di costumi. Dopotutto, il chip sapeva cosa doveva essere fatto. E quindi lo sapeva anche lei.

french maid mannequin

Quando arrivò al negozio, capì immediatamente cosa doveva prendere. Ne vide uno mentre entrava dalla porta. Un'uniforme da cameriera! Clara si rese conto di quello che stava succedendo. L'uniforme deve far parte della programmazione. Cercò di nuovo di accedere al chip con la sua mente cosciente, provò a scavalcare la suggestione nel suo cervello, ma questo chip era molto diverso da quelli che aveva usato finora. Cercare di argomentare contro di esso era come cercare di argomentare contro i suoi stessi pensieri. La sua mente cosciente si confuse rapidamente. "Suppongo di non poter indossare i miei vestiti normali per pulire" pensò. "Potrebbero sporcarsi o macchiarsi". E sarebbe più appropriato. Una cameriera dovrebbe indossare un'uniforme per le pulizie".

Tuttavia, non voleva sembrare sciatta o trasandata nell'uniforme. Prima di rendersene conto, stava cercando in uno scaffale di uniformi sexy da "cameriera francese". Di nuovo i pensieri divennero sfuggenti. "Di sicuro non ne ho bisogno". Ma le cameriere dovrebbero essere sexy, no? Non è per questo che fanno queste uniformi così? E questa mi starebbe davvero benissimo: la gonna è abbastanza corta da far risaltare le gambe e le curve del culo. E la scollatura farà meraviglie per le mie tette".

Clara si fermò. Di solito non pensava a se stessa in questi termini. "Mettere in mostra le mie tette? Sembra così volgare. Non intendevo bocce... ehm, no... Intendo le zinne... le tette... Non mi sono mai resa conto di quanto siano belle le mie tette". Prima di rendersi conto di quello che stava facendo, Clara era nel camerino, a provare l'uniforme. Per qualche motivo, le sembrava una buona idea provarla completamente nuda. "Dopotutto, stasera non indosserò niente sotto" pensò, non capendo più da dove venisse quel pensiero. Rimase stupita di ciò che l'abito faceva per lei, sollevando i suoi ampi seni in modo meraviglioso, quasi a svelare il suo bel culo dietro e coprendo a malapena la sua figa davanti. Non si riconosceva.

Lo shock le schiarì la mente.

"Cosa sto facendo?" pensò. "È una pazzia! Non posso indossarlo. Forse solo per pulire il divano, ma questo è quanto! Non mi interessa quanto mette in mostra le mie tette o la mia dolce fica sexy. Anche se mi fa sembrare una troietta sexy e seducente, sto sprecando il mio tempo con questo ridicolo costume. È meglio che paghi e torni a casa".

Clara non si rese conto di aver comprato il costume fino a quando non fu di nuovo in macchina sulla strada di casa. La sua mente era estremamente confusa, e sospettava che ci fosse davvero qualcosa di anomalo nel softchip nella sua testa. Potrebbe essere un bug? "Forse dovrei toglierlo" pensò, portando la mano dietro il collo. Prima di riuscire a farlo, però, si fermò, di nuovo confusa. "Ma non mi serve questo chip per stasera? Cosa farò senza? E poi non c'è tempo per tornare al negozio per un rimborso. E non sarà divertente, cucinare e pulire per Matt stasera?". A poco a poco riportò la mano sil volante.

Quando tornò all'appartamento, aveva poco più di un'ora e mezza. La sua ansia per l'arrivo di Matt sembrava far funzionare il chip più velocemente, spronandola ad agire senza pensarci sopra. Dopo aver preparato il pesce, saltò nella doccia per rinfrescarsi. Poi prese il rasoio e iniziò a rasarsi la figa, dopo un rapido lavaggio. Poco dopo tornò in sé. "Che sto facendo?" pensò "Non l'ho mai fatto in vita mia! Rasarmi la figa! No, intendo la mia va... la mia fica. Intendo la mia passera. Intendo la mia figa calda e dolce. Immagino che sia meglio così. Inoltre, sarà più speciale per Matt".

Quel pensiero la mandò di nuovo in cortocircuito. Più che mai, cercò di analizzare come il chip stesse funzionando, ma più ci pensava, più futile era la sua lotta. "Suppongo di dover comunque finire" pensò. "E mi farà sentire più speciale per Matt stasera. Dovrei farlo nel caso in cui mi chieda di vedere la mia fica". Dopotutto, se me lo chiedesse, dovrei mostrargliela, no? Sono la cameriera. Cioè, farò la cameriera... per servirlo".

Dopo che una Clara molto confusa uscì dalla doccia e si asciugò i capelli, si infilò velocemente nella sua uniforme da cameriera, aggiungendo un paio di calze elastiche alte e i suoi tacchi sexy da 6 per completare l'insieme. Poi si mise una quantità generosa di rossetto rosso fuoco. Clara sorrise ammirandosi allo specchio. "Devo assolutamente cambiarmi prima che arrivi Matt" pensò.

Tornò in cucina per controllare il pesce, poi cominciò a pulire l'appartamento, cominciando dal divano. Tutta la pulizia della casa le risultò facile, e si scoprì a godersi i lavori di casa più di quanto non avesse mai potuto immaginare. "Questo deve essere il softchip" pensò. "Astuto includere una routine per rendere piacevoli le pulizie". Così, potrei pulire la casa tutto il giorno! E non avevo idea di quanto potesse essere sensuale".

Clara arrossì. Era eccitata. I suoi capezzoli si erano induriti e si era resa conto che tra le gambe c'era un caldo torrido, e i suoi pensieri erano orientati di conseguenza. "Dio, non mi ero mai resa conto che i lavori di casa potessero essere così stimolanti! E questa uniforme mi fa sentire così sexy. Non vorrei smettere di fare le pulizie! Forse Matt avrà bisogno di me per pulire qualcosa. Spero che me lo chieda. Pensa che bello, divertirsi a pulire qualcosa per lui. Cazzo se sarebbe sexy! Fare qualcosa per lui così. Per servirlo. Essere così sottomessa. La mia dolce piccola fica si bagnerebbe se solo mi chiedesse di pulirgli il suo cazzo duro con la lingua!

Clara si rese conto che la sua mano era scivolata sotto la gonna e le stava massaggiando le labbra. Ma si stava facendo tardi e decise di apparecchiare la tavola. Preparò un solo posto per Matt. "Dopotutto, è sconveniente per una cameriera mangiare con il padrone. Padrone? Beh, lui è l'ospite, e io sono solo la cameriera. Il compito della cameriera è di servire l'ospite. Devo fare tutto quello che mi chiede. Finché lui è l'ospite, lui è il padrone".

Proprio allora suonò il campanello. Era tutto pronto. Tutto era perfetto. Mentre ondeggiava verso la porta con i tacchi alti, Clara si chiese brevemente perché non si fosse cambiata l'uniforme, ma si rese conto che andava bene così. Clara aprì la porta e fece un piccolo inchino.

"Buonasera, signore. Questa sera sarò io a servirla. Il suo pasto è quasi pronto. Posso prendere il suo cappotto?".

Inutile dire che Matt era piuttosto sorpreso. In effetti, Clara era sorpresa di averlo chiamato "Signore" e non "Matt", ma "Dopotutto", pensò, "Se devo servirlo dovrei essere rispettosa". Sono solo la cameriera, e devo obbedire".

Matt entrò lentamente nell'appartamento, squadrando Clara in maidlungo e in largo come se non l'avesse mai vista prima. Lentamente, cominciò a togliersi il cappotto. "Certo Clara. Ecco".

"Lascia che ti aiuti" disse. Clara si fece avanti e tolse la giacca dalle spalle di Matt. Si avvicinò abbastanza da strofinare le tette contro il suo petto mentre la prendeva, e Matt non mancò di notarlo. Clara appese il suo cappotto nell'armadio e guidò Matt nella sala da pranzo. "Da questa parte, signore", disse.

"Questa è una bella sorpresa, Clara. Non avevo idea che tu fossi... beh, proprio così".

Clara sorrise e fece di nuovo un inchino. "Sarò quello che il Signore ha bisogno che io sia. È un piacere servire. Con il suo permesso, servirò la cena"."Naturalmente"

Matt si adeguò rapidamente alla situazione, ed fu subito meno timido nel chiedere le cose: acqua, più sale, una seconda porzione di antipasto. Poi, quando Clara tirò fuori il pesce e glielo mise davanti, guardò spudoratamente verso il basso nella scollatura. Clara si chinò per offrirgli una visuale migliore.

Matt era così sbalordito che gli cadde la forchetta.

"Oh, Signore. Per favore mi permetta" disse Clara, e si chinò per recuperare la forchetta, lentamente, assicurandosi di offrire a Matt una visione completa del suo culo e della sua figa mentre la raccoglieva. Quando si rialzò, la mascella di Matt era spalancata. "Le porto subito una forchetta nuova, signore", disse, e si girò verso la cucina. Prima di fare tre passi, però, sentì il rumore dell'acciaio che urtava il pavimento. Si girò. "Signore?"

"Io... mi è caduto il coltello" disse Matt, indicando il pavimento. "Me lo prenderesti?"

Clara tornò indietro e si chinò di nuovo, assicurandosi di concedere a Matt un'occhiata più lunga al suo didietro. Quando finalmente si rialzò, si voltò di nuovo verso di lui. " C'è qualcos'altro, signore? Qualcosa che desidera?" Si voltò con il suo sorriso più sexy.

"Farai davvero tutto quello che ti dico?"

"Sono la cameriera, signore. Il mio lavoro è servire e obbedire."

"Togliti il vestito."

Clara si mosse immediatamente per togliersi il vestito dalla spalla, ma Matt la fermò.

" Aspetta. Non togliertelo. Metti un po' di musica e... e balla. Togliti il vestito e balla per me, ma lascia le calze e le scarpe".

"Signore, con piacere." Clara mise un po' di musica da ballo sensuale e cominciò a ondeggiare al ritmo. Non l'aveva mai fatto prima, ma per qualche motivo sapeva esattamente come muoversi, come se il suo corpo fosse indipendente. "Mio Dio", pensò, "non ho mai saputo quanto potesse essere meraviglioso. È così bello obbedire". È così bello essere usati in questo modo!". In pochi istanti, la sua uniforme era sul pavimento, e si strusciava i fianchi davanti a Matt, con le mani che si aggiravano per tutto il corpo in modo stuzzicante. Matt allungò una mano a metà strada.

maid living room

"Posso toccarti?", chiese.

"Per favore, signore! Mi tocchi! Vivo per servire! Voglio essere il tuo dolce piccolo fottuto giocattolo".

Matt si avvicinò e la toccò, poi la avvicinò. Si tolse i pantaloni e tirò fuori l'asta. Clara lo guardò avidamente. " Succhialo", disse Matt.

Clara si inginocchiò davanti a lui e aprì la bocca. Fu l'esperienza più incantevole della sua vita. In qualche modo, sapeva esattamente di cosa aveva bisogno. Lo prese tutto fino alla gola con facilità. Mentre con una mano gli accarezzava le palle, con l'altra si accarezzava la figa. Venne mentre lui le sparava il carico in bocca, e fremeva mentre lo succhiava.

Quando lui si rilassò, lei gli salì in grembo. Lui le accarezzò la fica e le succhiò le tette con fame, godendosi a fondo il suo corpo. L'altra mano correva su e giù per la schiena, ora appoggiata sul suo culo, ora si faceva strada fino alla parte posteriore del suo collo.... il suo collo. Matt si fermò quando sentì qualcosa di duro e di plastica sotto le dita.

"Clara, hai una presa softchip?"

"Sissignore", gemette.

"Fammela vedere".

Clara girò la testa e alzò i capelli, il che le fece sollevare i seni in modo delizioso, ma Matt fu distratto solo per pochi istanti prima di esaminare attentamente il softchip.

"Wow, Clara", disse, "non pensavo che una come te avrebbe usato i Softchips erotici".

"Signore?" disse Clara, uno sguardo di perplessità che si insinuava sul suo viso. "Io non uso i softchips erotici".

"Ne hai uno in questo momento."

Clara gli mordicchiò l'orecchio e ci infilò brevemente la lingua. "Il signore si sbaglia. Questo è un softchip per le pulizie. L'ho trovato nel cestino delle offerte al Cybex. L'ho comprato apposta per questa sera".

"Non sai che il nome della società E-chip sta per Erotica-Chipset?"

Clara sembrava perplessa. "Signore, l'ho delusa?"

"No, Clara! Per niente!" Disse Matt mentre le leccava un seno. "È solo che... non pensi di esserti comportata in modo un po' strano stasera?"

"Sono una cameriera. Vivo per obbedire e servire. Vivo per pulire, cucinare e scopare. Mi piace pulire e cucinare e scopare più di ogni altra cosa al mondo! È così strano? Non vuoi scoparmi?".

Clara sentiva che la virilità di Matt si muoveva di nuovo sotto di lei. "Non ne hai idea", disse. "Ma prima, farai tutto quello che ti chiedo, vero?"

"Certo, Signore" disse Clara, muovendosi a cavallo di Matt mentre il suo cazzo tornava a vivere.

"E se ti ordinassi di dimenticare qualcosa? Potresti farlo?"

Clara cominciò a stuzzicare il cazzo di Matt con le sue labbra. "Certo, signore. Ora è pronto a scopare?"

"Oh, sì."

Clara si calò sulla sua verga, la mente estasiata in una nebbia di piacere e obbedienza....

 

Clara si svegliò con un leggero mal di testa. Si sedette a letto, confusa. Che cosa era successo? Il suo primo pensiero fu che aveva bevuto troppo ieri sera. Si rese conto di essere nuda... nuda, tranne che per i suoi tacchi "scopami" e le sue migliori calze di nylon, che avevano una bella smagliatura. Perché le indossava? Nell'angolo della camera da letto c'era un vestito da cameriera francese. Da dove veniva quello? La vagina le sembrava un po' fredda e quasi gridò quando si rese conto che era rasata. Che diavolo era successo ieri sera?

Sul comodino c'era un piccolo pezzo di carta piegato con il suo nome sopra. All'interno c'era avvolto il softchip per la pulizia della casa che aveva comprato ieri. Sul foglio c'era un foglietto scarabocchiato in fretta e furia: " Devo andare al lavoro. Grazie per una serata assolutamente favolosa. Tornerò verso le quattro per parlarle di questo chip, l'ho tolto dopo che si ti sei addormentata".

Clara inciampò in soggiorno. Chiaramente doveva esser stata una notte selvaggia - cuscini ovunque, e casino sul tavolo da pranzo - strano che ci fosse un solo posto apparecchiato. Scosse la testa cercando di schiarirsi le idee, ma nulla uscì cercando di concentrarsi sulla notte precedente. C'era qualcosa che non andava con il chip? Allora perché l'aveva tenuto dentro tutta la notte? Ovviamente la cena era stata un successo: di solito non aveva idea di come cucinare il pesce.

Guardò il disordine con disperazione. Ci avrebbe messo tutto il giorno a pulire, visto lo stato in cui si trovava. La prospettiva la riempì di terrore. Odiava i lavori di casa... a meno che...

...Clara non considerasse il chip che aveva in mano. Se la notte scorsa era andata bene, allora non poteva essere completamente malfunzionante. "Lo terrò abbastanza a lungo da ripulire questo posto", pensò Clara, mentre metteva il chip nella sua presa. "Ora, suppongo che la prima cosa di cui ho bisogno è un nuovo paio di calze di nylon. Una cameriera deve apparire al meglio..."

Alcuni contenuti sono ipnotici o erotici, abilitali nelle impostazioni

ipnosieroticaheader