Storia di All These Roadworks

Tori aveva difficoltà a prendere decisioni. Bastava che qualcuno le chiedesse se voleva Coca o Pepsi per lasciarla paralizzata e incapace di dire qualsiasi cosa. Era stato un inferno durante tutto il suo percorso scolastico, e ora che era fuori dalla scuola, stava limitando le sue prospettive di lavoro.

Aveva fallito i colloqui per quattro diversi lavori da sogno, paralizzata dalle domande dell'intervistatore, e aveva finito per dover accettare un lavoro come cassiera in un supermercato mentre decideva cosa fare dopo.

Finì per spiegare arrossendo il problema al suo zio preferito. Lui le offrì una soluzione: l'ipnosi. Conosceva un ipnoterapeuta che poteva aiutarla con inibizioni come questa, ed era disposto a pagarle la seduta.

 

Così Tori andò dall'ipnotista, si lasciò condurre in trance e si fece impiantare un semplice pensiero in testa, per renderla più decisa:

"Quando ti viene offerta una scelta, sceglierai immediatamente una delle opzioni e ti impegnerai a farla".

Funzionò. Quando la seduta finì, la receptionist le chiese: "Vuole pagare ora o quando riceve la fattura?".

"Pagherò ora!" disse subito Tori, e lo fece.

Prese un taxi per tornare a casa. "Vuole la radio accesa, signorina", chiese il tassista. "O preferisce chiacchierare?".

Tori si accigliò. In realtà avrebbe preferito solo il silenzio, ma disse subito: "Chiacchierare va bene!" e poi passò il resto del viaggio a discutere del traffico con l'autista. Le dava fastidio che non fosse stata in grado di esprimere un'opzione che non le era stata data, ma era troppo eccitata dalla sua nuova risolutezza per preoccuparsene davvero.

Il giorno dopo si presentò al lavoro al supermercato, indossò il suo grembiule con il marchio del supermercato e iniziò a scannerizzare la spesa per i clienti.

Si sentiva ancora un po' confusa dall'ipnosi di ieri, e non era efficiente come avrebbe dovuto essere. Verso l'ora di pranzo, la sua lentezza si scontrò con un cliente particolarmente irritabile - un uomo sulla trentina con i capelli rossi e la barba - che finì per diventare sempre più frustrato mentre lei cercava lentamente di ricordare i codici unici di tutte le verdure fresche che stava comprando.

"Gesù!" esclamò alla fine. "Sei nata stupida o ti ficchi le dita nella fica tutti i giorni finché non ti si spegne il cervello?".

Tori aprì la bocca e si bloccò. Doveva scegliere una opzione. Doveva farlo. Non voleva. Doveva fare una scelta, e scegliere una delle opzioni.

 

Non sono nata stupida, si sentì pensare con rabbia, e poi....

"Mi faccio solo un ditalino ogni giorno finché il mio cervello non si spegne", si sentì dire. Il suo viso divenne immediatamente rosso vivo.

Il cliente sembrò scioccato - e poi fece una piccola risata sorpresa. "Dici sul serio?" chiese lui. "O ti piace solo sembrare una puttana?"

Lei si sentì fare un piccolo mugolio impercettibile, mentre veniva colta di nuovo dalla scelta. Non era seria, quindi...

"Mi piace solo sembrare una puttana", disse brillantemente, il suo viso cremisi per la vergogna.

"Ti stai prendendo gioco di me?" chiese il cliente. "O sei letteralmente incapace di evitare di scegliere una delle opzioni quando ti do una scelta?

"Devo scegliere un'opzione quando lei mi dà una scelta", sbottò lei, e poi, sull'orlo delle lacrime, abbandonò il suo registro e corse nella saletta, lasciando la spesa del cliente mezza scannerizzata e la cassa incustodita.

La direzione la riprese, ovviamente. Il cliente era stato molto onesto, e non aveva rubato né la sua spesa né il contenuto della cassa, e non aveva sporto denuncia. Ma se avesse fatto di nuovo una cosa del genere, fu avvertita, sarebbe stata licenziata e sarebbe stata responsabile di qualsiasi furto o perdita che ne fosse derivata.

Quella sera cercò di prendere un altro appuntamento con l'ipnotista per sistemare il suo condizionamento ipnotico, ma la receptionist disse che un appuntamento sarebbe costato soldi che Tori non aveva, e lo zio di Tori non sembrava disposto a pagare per un altro appuntamento, e Tori era comunque troppo imbarazzata per spiegare quale fosse il problema.

Così il giorno dopo tornò al lavoro.

E, con sua grande disperazione, il suo secondo cliente era lo stesso uomo dai capelli rossi di ieri.

"Allora", le chiese, mentre posava la spesa, "vuoi rimanere alla cassa finché non dico che ho finito, questa volta? O vuoi che racconti al mondo la tua piccola condizione imbarazzante?"

Lei arrossì e disse: "Resterò alla cassa".

Lui fece una pausa, pensando, e disse: "Manca qualcosa in questa risposta. Una nota di rispetto. Dimmi, d'ora in poi, preferisci chiamarmi "signore" o "padrone"?

Gli occhi di Tori si gonfiarono. Voleva scappare di nuovo, ma si era impegnata a rimanere alla cassa. Cercò di scannerizzare velocemente la sua spesa, così lui avrebbe finito. "Preferirei chiamarla 'signore', signore", disse.

 cash register girl 2

"Brava ragazza", disse l'uomo. "Sai, sei carina quando sei rispettosa. E non puoi guadagnare molto con questo lavoro. Ti dico una cosa, ti aiuterò comprandoti la biancheria intima". Tirò fuori dal portafoglio una banconota da cinquanta dollari. "Dovrai togliertela e darmela qui e ora, però. Vuoi vendermi il tuo reggiseno o le tue mutandine?".

 

Lei si morse il labbro. Non voleva vendergli nessuno dei suoi vestiti! Ma....

"Le mie mutandine, signore", sussurrò lei.

"Allora vai", disse lui, sventolando i soldi verso di lei.

Aveva scelto le mutandine perché sarebbero state più facili da togliere senza attirare l'attenzione. Certo, poteva togliersi il reggiseno senza togliersi la camicia, ma era molto più facile guardarsi brevemente intorno per vedere se qualcuno stava guardando, poi sollevare la gonna, agganciare le mutandine, tirarle rapidamente giù per le gambe e toglierle. Cosa che fece, e poi le mise sul nastro della cassa, arrossendo.

Erano rosa e di pizzo e un po' bagnate sul cavallo. Il suo rossore aumentò quando si rese conto che, sì, la sua figa era bagnata. Dio, era il tipo di puttana che si eccitava con questo tipo di abuso? Si odiava, e odiava di più la sua fica traditrice.

"Brava ragazza", disse l'uomo. "Avanti, mettile nelle mie borse della spesa".

Tori aveva quasi finito di esaminare la spesa dell'uomo. Con gratitudine infilò le mutandine in una delle sue borse di plastica.

Lui pagò la spesa e poi le diede la banconota da cinquanta dollari. "Questa è per te, non per la cassa", disse. "Ma-oh no! Non hai tasche su quell'uniforme! Dovrai tenerla da qualche altra parte. Dimmi, hai intenzione di infilartelo nella figa o nel buco del culo?".

Lei lo guardò con disperazione supplicante. Sicuramente lui non poteva... ma lei doveva fare una scelta.

"Me lo infilo nella figa, signore", sussurrò, e lo fece, sollevando la gonna e infilandosi la banconota da cinquanta dollari nella fica lubrificata. Si sentì come una sporca puttana. Desiderava che l'uomo se ne andasse. Desiderava sprofondare sei metri sotto terra.

Lui sorrise e disse: "Bene, è ora che me ne vada. Ma mi piacerebbe vederti di nuovo. Hai intenzione di dirmi il tuo nome, o preferisci essere chiamata 'puttana'?".

"Il mio nome è Tori, signore", disse lei velocemente.

cash register girl 1

"Brava, Tori", disse l'uomo. "Io sono James. Ecco il mio biglietto da visita". Era nero, con scritte argentate, con il suo numero di telefono e l'email, ma nessun indizio su quale fosse il suo lavoro.

"Grazie, signore", disse lei, con l'intenzione di buttare via il biglietto alla prima occasione.

"Allora, come ci incontreremo, Tori?" Chiese James. "Hai intenzione di mandarmi sinceramente i tuoi turni di lavoro d'ora in poi, così posso venire a trovarti qui? O mi dirai il tuo indirizzo di casa e mi darai la chiave della tua porta d'ingresso?".

Lei voleva piangere, o almeno un po'. Aveva pensato che lui stesse per andarsene e che lei potesse scappare, ma entrambe queste opzioni gli avrebbero permesso di vederla di nuovo. E, peggio ancora, lei avrebbe collaborato. Lo avrebbe invitato a vederla di nuovo.

Ma la suggestione ipnotica era insormontabile.

 

"Le manderò i miei turni, signore", disse lei.

"Brava, Tori", disse lui. "E grazie per le mutandine". Quindi se ne andò.

* * *

 

Tori arrossì per tutto il resto del turno, sicura che qualcuno avrebbe notato che non indossava le mutande. Non tirò fuori i soldi dalla figa - James aveva ragione, non aveva un posto dove metterli - e poi quando fu il momento di andare a casa, si dimenticò davvero che erano lì dentro, così che solo quando arrivò a casa si ricordò improvvisamente e pescò la banconota inzuppata.

Guardando quella cosa bagnata e disgustosa, si sentì come se stesse per piangere, ma non lo fece. Invece, la sua mano tornò alla figa, e cominciò a strofinarsi il clitoride - dolcemente all'inizio, poi sempre più forte, finché improvvisamente tremò per un potente orgasmo, trattenendo un urlo.

Cosa le stava succedendo? Perché si stava comportando come una puttana? Quando si fu ripresa dall'orgasmo, si schiaffeggiò la figa un paio di volte, e si pizzicò il clitoride, cercando di punirli per farli comportare bene - ma questo le fece solo venire voglia di masturbarsi di nuovo. Arrossendo, scostò le mani dalla fica.

Pensò di provare a tornare dallo psicologo.

Ma invece, tirò fuori il biglietto da visita di James, guardò il numero e cominciò a mandargli i suoi turni di lavoro per la prossima settimana....

 

Storia di All These Roadworks (2021).
Italian translation by IpnosiErotica.com. Authorised on a non-commercial basis by the author.
You can buy the complete e-book of this story - and support the creation of new, free stories - at AllTheseRoadworks.com

Alcuni contenuti sono ipnotici o erotici, abilitali nelle impostazioni

ipnosieroticaheader