Prima di tutto, lasciatemi dire che sono un'idiota.

Avrei dovuto prevederlo a chilometri di distanza, voglio dire, lei aveva detto esattamente quello che mi sarebbe successo; ma come un idiota, ho accettato, soprattutto perché non credevo che  potesse funzionare.

Pensavo che non potesse essere reale. Che sarebbe stato solo un altro dei suoi giochini divertenti. E invece... ho avuto esattamente quello che mi meritavo.

Un po' di background: Il mio nome è Samantha, Sam in breve. Sono la tipica esploratrice lesbica collegiale felice e spensierata. Voglio dire, sono uscita con dei ragazzi al liceo, ma andando al college, specialmente in un college femminile, voglio dire che è difficile resistere all'impulso di esplorare un po' la tua sessualità. Insomma, non so se resterò una lesbica per sempre, forse solo fino alla laurea, ma per ora funziona, specialmente con questa ragazza con cui sto. Catherine. Cat in breve. Ringrazio la dea della selezione delle compagne di stanza che ci ha messo insieme al primo anno. Le ci è voluta meno di una settimana per sedurmi e da allora sono stata all'amo.

Non definirei Cat "grossa", ma ha sicuramente un certo peso. Mi sovrasta dal suo metro e ottanta, e ha dei muscoli seri per via di tutta quella pallavolo che gioca. A volte mi chiama il suo animale domestico. A un metro e sessantaquattro, le fisso le tette tutto il tempo. La gente dice che siamo una strana coppia. Lei è alta e muscolosa mentre io sono morbida e molliccia. Un sacco di tette e culi con cui lei può giocare. E il nostro sesso... il sesso è così diverso con lei. Forse non sono così bi dopo tutto.

Il sesso con i ragazzi era per lo più così....serio. Un sacco di sbuffi e gemiti...sguardi profondi e sensuali e zero conversazione. Con la maggior parte dei ragazzi (beh, i ragazzi del liceo comunque) si tratta solo di sesso. Con Cat è diverso. È divertente. È un gioco. Può essere profondamente sensuale. O può essere una sciocca assurdità. Cat impregna il sesso con questa giocosità che è liberatoria.

Non mi piace tutta la dinamica top/bottom, ma Cat è sicuramente una top nel cuore. A volte mi lascia prendere il comando, ma solo se mi lascia fare. La maggior parte delle volte è lei a comandare. Ama scommettere. Giochiamo a tutti i tipi di giochi: giochi da tavolo, giochi di carte, giochi di dadi, videogiochi e il vincitore può estrarre una busta dalla 'scatola dei premi'.

La scatola dei premi è la sua collezione di sex toys, erotismo e premi sessuali che tiene in buste non contrassegnate. Ho inventato alcuni premi come 'un'ora di massaggio' o 'lussuriose frustate di lingua', ma è Cat che crea i premi sessuali veramente fantasiosi e creativi. I suoi premi sono pagine di istruzioni, e chi perde deve seguirle. Per esempio, una volta l'ho battuta a poker e la busta conteneva un dettagliato film porno in cui dovevo dirigerla. Era fottutamente eccitante.

Penso che ci sia un premio però... che non credo sia stato scelto a caso. Credo che stessimo giocando a Street Fighter o qualcosa del genere, ha vinto lei. Ora, di solito chi perde sceglie la busta, ma questa volta ha deciso che l'avrebbe fatto lei. La busta che ha scelto dalla scatola dei premi... Potrei giurare di aver visto una piccola piega sulla busta. E sembrava... così eccitata. L'ho vista trepidante quando mi ha passato la busta da leggere.

"Congratulazioni! Aprendo questa busta hai invocato un incantesimo che ti trasformerà in un cucciolo obbediente e felice! Mentre leggerai questo biglietto, comincerai a sentire gli effetti dell'incantesimo. Troverai più comodo metterti a quattro zampe e leggere il biglietto davanti a te".

La guardai un po' scetticamente. Avevamo fatto un sacco di giochi di ruolo... ma questo era un po' fuori luogo.

"Bene, andiamo!" disse lei. "Mettiti a quattro zampe, cane cattivo!"

Mi misi a quattro zampe, posai il biglietto davanti a me e continuai a leggere.

"Ora comincia a sentire la tua mente umana che si allontana... che viene lentamente sostituita da una mente canina. È un prurito sull'orecchio? Gratta con la tua zampa anteriore!"

Mi grattai giocosamente l'orecchio. Vidi Cat mettersi una mano sul petto. Si stava già eccitando così tanto? Il biglietto continuava:

"Brava ragazza! Ora inizia a sentire una coda che cresce dal tuo sedere. Spero che tu sia ancora abbastanza umana da rimuovere qualsiasi indumento che possa ostacolarla! Veloce, togliti quei vestiti finché sei in tempo!".

Feci finta di essere scioccata all'idea che una coda stesse crescendo dalla parte superiore del mio sedere. Ho fatto scivolare giù la mia tuta e le mie mutandine e ho iniziato a muovere un po' il sedere come se stessi scodinzolando. Questa volta ho sentito Cat ansimare. Ho guardato verso di lei e l'ho vista fissarmi intensamente. Una mano si stava strofinando il seno e l'altra era tra le sue gambe che accarezzava lentamente. Potevo vedere la sua umidità che cominciava a filtrare attraverso le mutande.

 

"Ora togliti velocemente il resto dei vestiti! I cani non indossano vestiti, vero? E quando ti sarai levata tutti i vestiti, andrai dalla tua padrona, le metterai la testa in grembo e abbaierai dolcemente per farle sapere che sei una brava ragazza".

Feci come indicato nel biglietto. Mi tolsi la maglietta, ma mostrai che avevo dei problemi, come potrebbe fare un cane se si trovasse costretto da una maglietta. Una volta nuda cominciai a fingere di essere un cane. Mi grattai ancora qualche volta. Annusai l'aria a tentoni. E poi strisciai verso Cat, mi sdraiai accanto a lei, misi la testa sulle sue cosce, la guardai e dissi: "bau".

E oh mio Dio, è venuta così forte. Voglio dire, nel momento in cui mi ero fatta strada verso il suo grembo, la sua masturbazione era diventata piuttosto furiosa. Aveva la mano intera dentro le mutandine e si accarezzava freneticamente. Quando abbaiai, tutto il suo corpo si strinse e si chiuse in un modo che non avevo mai visto prima. Il suo respiro sembrava soffocato e mi strinse la testa così forte che ero quasi preoccupata.

"Cat stai bene?!"

"Shhhh... shhh... non parlare ancora, fai il cane ancora un po', ok?

"Ok."

"Non parlare... fai il cane ancora un po'".

"Bau!"

E lei venne di nuovo. Non così intensamente questa volta, ma sicuramente è venuta solo sentendomi abbaiare. È stato piuttosto emozionante. Poi fu il mio turno.

"Beh, non sei il più carino dei cuccioli?" ha detto.

"Bau!

"Oh, sei adorabile... e sai cosa ricevono i cuccioli adorabili? I massaggi al pancino! Mostrami il tuo pancino cucciolo! Pancia all'aria, e fammi vedere come ti stiracchi.

Mi sono allungata e lei ha iniziato ad accarezzarmi le tette e la pancia, massaggiandomi con quelle mani forti. Era una sensazione divina.

"Oh sei così adorabile cucciolo! Ti fa sentire bene?"

Ho annuito. Ha cominciato ad accarezzare l'esterno della mia figa facendo scorrere delicatamente il suo palmo sul mio clitoride. Ho ansimato un po'.

"Come si sente il mio cucciolo quando faccio così?"

Intinse un paio di dita dentro di me. Ero abbastanza lubrificata. Vederla venire in quel modo mi aveva davvero eccitato.

"Oh Dio, Cat", dissi. Ed è questo che ha ucciso tutto. Era come se avessi spento un interruttore. Si fermò quasi di colpo.

"Cosa? Non fermarti. Ci sono quasi." Ma era troppo tardi. Qualsiasi fantasia le fosse passata per la testa era appena crollata.

"Sdraiati", comandò, e procedette a finirmi. Si spostò tra le mie gambe e iniziò a trafficare con la lingua, ma c'era qualcosa che non andava. Era meccanico; forzato, c'era anche un po' di tristezza. Avevo distrutto qualcosa di speciale per lei e mi sentivo malissimo.

"Cat, fermati", dissi. "Mi dispiace... non volevo... uscire dal personaggio. Mi dispiace." Mi abbassai per cullarle la testa.

"No, mi dispiace", mi guardò. "Non avrei dovuto prenderla così seriamente. Non so perché questa fantasia mi attira così tanto. Non mi piacciono nemmeno le cose pelose". Lei sorrise e rise un po'. La portai su e le cullai la testa contro le mie tette. Avevamo fatto molti giochi di ruolo in passato. Dottore/Paziente puttana, insegnante puttana, babysitter puttana... Voglio dire, pensa ad un'occupazione e noi l'avremmo solo trasformata ... in meglio. Ma era sempre un gioco, ed era sempre, semplicemente, divertente. Stavolta invece... questo era qualcosa di molto intenso per lei. Non una realtà, ma una fantasia così intensa da desiderare lo fosse.

Ed ecco l'altra cosa strana di questa storia dei cuccioli. Dopo ho avuto questa fastidiosa sensazione di essere stata un cane prima. Strano. Forse lo sono stata in una vita precedente.

Andiamo avanti di una settimana. Non avevamo parlato della storia del cucciolo. Non volevo parlarne perché non volevo metterla in imbarazzo, e nemmeno lei probabilmente per lo stesso motivo. Ero sdraiata sul lettino per i massaggi e lei mi stava manipolando per bene. Mi aveva già fatto venire bene, quindi ero bella e rilassata. Ne approfittò facendomi un massaggio dei tessuti profondi. Le sue forti dita sapevano come lavorarmi. La mia testa era a faccia in giù nel buco della faccia (è così che si chiama? Non ne ho idea). E mi stava manipolando il collo. Ero quasi addormentata.

"Sam?" chiese per vedere se ero sveglia.

"Hmm?" Risposi.

"Lascia che ti faccia una domanda ipotetica" continuò lei. "Allora, la settimana scorsa quando eri il mio cucciolo... ero... uh... molto presa. Intendo dire che mi piaceva molto. Voglio dire, più di quanto mi aspettassi. Non ho idea del perché. Forse mi sono circondata di troppi cuccioli di peluche quando ero piccola. Davo loro ordini e li comandavo a bacchetta. Non ho idea di quando sia diventato sessuale. Voglio dire, non ho mai avuto un cane, ma ne ho sempre voluto uno. Non per il sesso, solo per avere un amico da coccolare, sai? Quindi lascia che ti chieda... ipoteticamente... se ci fosse un incantesimo che potesse trasformarti nel mio cucciolo per un po', mi permetteresti di lanciarlo su di te?"

Certo che sarei il suo cucciolo. Abbiamo giocato a tante cose. Certo, perché no... lei si eccita... mi farà eccitare. Assolutamente.

"Al 100% mi lascerei trasformare in un cucciolo". Ho borbottato. "Ti permetterei di trasformarmi in un cucciolo per sempre se questo ti rendesse felice".

"Davvero?" sembrava eccitata. "Lo faresti per me? Non lo stai dicendo solo perché sai che è quello che voglio sentire".

 

"Cat", ho detto. "Se conosci una maga che può trasformarmi in un cucciolo, hai il mio permesso assoluto di commissionare l'incantesimo. Anche se penso che vorrei essere umana per un po' di tempo, quindi ti prego di chiedere questa opzione. Inoltre, non credo che a mia madre andrebbe bene che io sia un cucciolo a Natale. Non le ho ancora detto che sono bisessuale". Anche se sono sicura che abbia già indovinato. È una terapeuta di alto livello. So che Cat e lei hanno parlato in molte occasioni per questioni legate alla terapia.

La cosa sul kink è che... tutti ne hanno uno. E non è qualcosa che puoi cercare. Il tuo feticcio ti trova. Voglio dire, un giorno forse un palloncino scoppia proprio accanto a te e bam: feticcio del palloncino. Di solito è qualcosa dell'infanzia che ci eccita o ci spaventa e crescendo lo sessualizziamo. È anche qualcosa di cui non parliamo facilmente, perché ci espone davvero. Ci rende vulnerabili.

Cat mi ha massaggiato ancora più forte e mi ha baciato sulla nuca. È salita sopra di me e si è messa a cavallo delle mie gambe. Potevo sentire la sua voglia attraverso le mutande. "Ok... ti darò un'ultima possibilità di tirarti indietro, ma se accetti, allora ti trasformerò definitivamente nel mio cucciolo part-time". Poi cominciò a massaggiarmi tra le gambe. Sono abbastanza sicura che si stesse masturbando con l'altra mano.

E poi non ne parlò più. Almeno fino a due mesi dopo.

Cat mi disse di segnare questo venerdì sera sul mio calendario. Aveva qualcosa in programma.

Sono tornata dal corso e lei si stava preparando. E santo cielo, si stava vestendo di tutto punto. Voglio dire che è alta, e quando si mette i tacchi... dannazione. Un lungo vestito nero con uno spacco sul lato. Non credo di averla mai vista indossarlo. E stasera era molto femminile. Trucco completo, si è fatta i capelli (dandole ancora più statura su di me!). Mi sentivo un po' intimidita.

"Wow!" Ho esclamato. "Sapevo che avevi programmato qualcosa, ma non avevo idea che sarebbe stato così! In quale posto di lusso mi stai portando, e perché non me l'hai detto prima così avrei potuto trovare qualcosa da indossare?

Mi sorrise.

"Hai già qualcosa da indossare" e ha fatto un gesto verso lo schienale della sedia della mia scrivania, dove ho visto la gonna più succinta che abbia mai visto.

"Sì, la maggior parte del mio culo uscirà da dietro".

Poi ho visto il top nero quasi trasparente abbinato.

"Ummm, così tutti a cena possono fissare le mie tette, giusto?"

"Non stiamo andando a cena", rispose lei. "Stiamo andando a una festa. Una festa di cuccioli".

Immediatamente ho pensato a una di quelle feste per bambini dove portano un branco di cuccioli con cui i bambini possono giocare. I miei occhi si sono illuminati, eccitati al pensiero.

"Aspetta, perché allora ci vestiamo bene? I cuccioli non faranno a pezzi questi vestiti? E cosa penseranno i bambini di me che mi presento così?".

Lei sorrise: "Questa è una festa di cuccioli per adulti".

L'ho guardata per un momento, poi ho pensato: "Che importa, sei tu a dirigere lo spettacolo. Avrei dovuto ripensare alla nostra conversazione sui cuccioli, ma non ho messo insieme i pezzi. Ero piuttosto eccitata e mi sentivo piuttosto maliziosa nel mettermi questi vestiti sexy che mi aveva regalato.

Una volta indossati, la gonna copriva appena il mio ampio culo. Stavo pensando al perizoma, ma il pudore ha avuto la meglio su di me e ho messo solo della biancheria intima carina. Ho provato il top senza reggiseno, ma era tutto lì in mostra. Se ci fosse stata una macchina fotografica con il flash sarei sicuramente apparsa su qualche r/unexpectedtitty. Ho trovato un reggiseno push up nero di raso. Per completare l'outfit ho messo i miei stivali neri di pelle al ginocchio. Maledettamente sexy, se me lo chiedete.

E poi Cat mi ha truccato. Se c'è una cosa che ho imparato ad amare nella sua compagnia, è stato il piacere inaspettato di avere qualcun altro che mi truccasse. C'è qualcosa di così sensuale nell'avere questa donna forte e dominante che mi trucca nel modo in cui vuole vedermi... e come vuole che io sia vista.

Però ero un po' nervosa di andare a questa festa. Cat ed io uscivamo spesso, ma questa non era una sera come le altre. Mi chiedevo se sarebbe stato un festino erotico. Volevo chiedere, ma non volevo rovinare la sorpresa. E la cosa mi eccitava un po'... non sapendo cosa sarebbe successo, voglio dire. Non avevamo mai fatto sesso in pubblico... anche i nostri baci erano piuttosto modesti. Questo sarebbe stato un nuovo territorio per noi. Beh, almeno per me.

Abbiamo guidato fino alla campagna. Lei guidava, ma usava il GPS del telefono. Non credo che fosse mai stata qui. Ho fatto qualche domanda, ma niente che potesse rivelare troppo.

"Ci sarà dell'alcool?" Ho chiesto timidamente.

"Oh, sicuramente", rispose lei. "Probabilmente una discreta quantità di farmacopea, ma non credo che vorrai indulgere".

"Come siamo stati invitati?"

"Ci ha invitato la padrona di casa. Io e lei siamo amiche da un po' e ha pensato che questo fosse una occasione che ci sarebbe piaciuta".

Alcuni campanelli d'allarme cominciarono a suonarmi in testa. "Aspetta... hai mai incontrato questa persona? All'improvviso sembra un po' equivoca".

Lei sorrise. "Oh, ci siamo incontrati di persona un bel po' di volte. In realtà, è stata tua madre a presentarci".

Ok, ora c'erano decisamente dei campanelli d'allarme che mi suonavano in testa come un incendio ai grandi magazzini. Così tante domande avrei voluto fare, ma avevo paura delle risposte che avrei potuto ottenere. Primo, per quale motivo stava parlando con mia madre e di cosa; chi era questa donna, come faceva mia madre a conoscerla, e perché avrebbe pensato che sarebbe stata una buona idea presentarla a Cat e a me. Voglio dire, mia madre è una terapeuta. Non ha amici strani che invitano ragazze del college alla loro possibile festa di sesso/alcol/droga. Morivo dalla voglia di iniziare a fare domande, ma ho tenuto a freno la lingua. Questa era la serata di Cat e stavo per vedere dove mi avrebbe portato. Mi sarei occupata di mia madre più tardi.

Cat continuò. "Emma è piuttosto... insolita. In realtà è un'alunna di qui. Inoltre, è buona amica di tua madre. Quanto potrebbe essere pericolosa? Non credo che abbiamo nulla da temere da lei. Beh, non io comunque. "

Eravamo nel profondo del bosco ora. Alberi alti che nascondevano lunghi viali. Guardai sul GPS. Eravamo quasi arrivati.

"E questo cosa vorrebbe dire?"

"Ti ricordi qualche mese fa quando ti ho chiesto se mi avresti permesso di trasformarti in un cucciolo?".

"Ummm... sì... perché?" Ho chiesto, sapendo quale sarebbe stata la risposta.

"Beh, Emma ti trasformerà in un cucciolo... se sei ancora aperto all'idea".

"Capisco", risposi incredula. "E come lo farà esattamente? È una strega?"

Cat sorrise. "Più o meno. È un'ipnotizzatrice. Una brava. E ti farà credere di essere un cucciolo. Se sei ancora disposta a farlo. Puoi ancora tirarti indietro, se vuoi".

Ipnotista. Huh. Uh-huh. Sto per essere ipnotizzata. Ricordate che stavo parlando del fatto che tutti hanno un kink. Beh, questo era il mio. Questa era la cosa che non avevo mai menzionato perché mi imbarazzava almento tanto quanto mi faceva eccitare. Strinsi le gambe insieme mentre mi sentivo bagnare. Pensai di mettere una busta con l'ipnosi nella scatola dei premi del gioco di ruolo, ma mi fermai. Mi vergognavo che mi eccitasse così tanto. A volte, quando facevamo un gioco di ruolo, fantasticavo di essere ipnotizzata, e venivo immancabilmente subito.

Chissà da dove mi viene questa fissazione? Odio dirlo ad alta voce, ma potrebbe essere mia madre. Non solo era una terapeuta, ma anche un'ipnoterapeuta. Quando ero piccola andavo nel suo studio e la ascoltavo mentre metteva la gente sotto ipnosi. Me la immaginavo come uno di quegli ipnotizzatori come in Scooby-Doo che poteva far fare a qualcuno qualsiasi cosa. Immaginavo che facesse fare alla gente ogni sorta di cose stupide per suo proprio divertimento, come starnazzare come un'anatra. Avevo immaginato questo scenario in cui lei era una criminale che ipnotizzava i suoi pazienti e poi gli faceva rapinare una banca, senza serbarne ricordo. Una volta sono stata ipnotizzata per caso mentre stavo ascoltando. Posso solo immaginare cosa abbia pensato, quando mi ha scoperto, accasciata sul pavimento fuori dal suo ufficio. Più di una volta mi sono trovata a svegliarmi al suono della sua voce sul divano dell'ufficio esterno. Sorrideva e mi chiamava il suo piccolo angelo addormentato.

Man mano che crescevo, i miei pensieri sull'ipnosi divennero sessuali. Immaginavo che mia madre ipnotizzasse uomini (e donne) per farne i suoi trastulli sessuali. A volte immaginavo che mi ipnotizzasse e mi facesse compiere atti sessuali davanti a lei con i miei ragazzi. Lo trovavo così eccitante. La totale perdita di controllo. Essere resa così indifesa. Oh, grazie al cielo per i sedili in pelle. Stavo davvero iniziando a inzupparmi ora.

Mi chiedevo. Cat lo sapeva? Avevo dimenticato di cancellare la cronologia del mio browser? O, Dio non voglia, era mai venuto fuori in una conversazione con mia madre? Voglio dire, sono abbastanza sicura che mamma sapeva che mi piaceva essere ipnotizzata da lei. Sarei solo inorridita se avessero avuto una conversazione al riguardo. Mia madre era praticamente una persona onesta quando si trattava di sesso. Voglio dire, era praticamente una conversazione aperta con il mio ultimo ragazzo. Aveva lo stesso tipo di apertura anche con Cat? O era solo una strana e perfetta coincidenza?

Ma poi ebbi una terribile consapevolezza. Non avrebbe funzionato. Voglio dire, per quanto fossi eccitata dall'idea dell'ipnosi, sapevo bene che non poteva farmi credere di essere un cane. Beh, voglio dire che c'è un po' di realtà, ma la maggior parte delle cose bizzarre che ho visto nell'ipnosi da palcoscenico... sono per lo più persone che recitano una parte. Non sono davvero bloccati ai loro posti, sono solo così desiderosi di compiacere il loro ipnotizzatore che si comportano in quel modo. Sono sicuro che nel profondo della loro mente sanno che non devono obbedire all'ipnotizzatore, ma non vogliono rovinare lo spettacolo e quindi lo assecondano. Un po' come la pressione sociale. Forse alcune persone sono molto suggestionabili e questo potrebbe funzionare; ma dubito che funzionerebbe su di me. Mi sentivo un po' triste sapendo che non avrebbe funzionato, ma per il bene di Cat, ero determinata a mettere su un bello spettacolo e segretamente speravo che funzionasse. Essere veramente ipnotizzata e controllata... era il mio sogno che si realizzava.

"Sono assolutamente eccitata dall'idea di diventare il tuo cucciolo. Mi sottometto completamente".

Mi afferrò il ginocchio. "Sono così felice. Emma ti piacerà".

Ormai ci stavamo facendo strada lungo un vialetto lungo e tortuoso. C'era un cancello sul davanti. Cat digitò il codice e i grandi cancelli di ferro nero si aprirono. C'erano lanterne tremolanti lungo il vialetto. Sembrava molto gotico. Ero un po' spaventata. Ma soprattutto eccitata. Ho iniziato a chiedermi come avrebbe cercato di ipnotizzarmi. Con un orologio oscillante? Guardandola profondamente negli occhi? Cominciai a stringere le cosce.

Dopo un breve tragitto, ci avvicinammo ad una grande casa in stile Tudor con un ampio parcheggio di ghiaia. C'erano circa 5 macchine (molto belle) parcheggiate davanti. La piccola Panda di Cat si sentiva un po' fuori luogo accanto alle Audi e alle AMG. Siamo uscite e ci siamo incamminate verso la porta d'ingresso. Prima che potessimo arrivare, si è aperta e c'era questa... questa... donna straordinaria. Forse sui 40 anni? Difficile da dire. Lunghi capelli argentati. Alta; quasi quanto Cat. Pelle molto pallida e appena un po' di trucco. Leggermente robusta. Un bel paio di tette e fianchi larghi. Era vestita quasi tutta di bianco. Un Tailleur con pantaloni. Cucito su misura per le sue curve. E un mantello. Indossava un mantello. Ho fatto un ampio sorriso quando l'ho capito. Voglio dire, chi indossa un mantello? Mi piaceva molto. Anche un cappello a cilindro bianco. Era allo stesso tempo elegante e leggermente comico. E i suoi occhi. Uno blu e l'altro verde. Incredibile.

Uscì per accoglierci.

"Cat!" urlò. "Sono così felice che tu ce l'abbia fatta".

Ha dato a Cat un pudico bacio sulla guancia. Poi si voltò e mi guardò.

"E tu devi essere Samantha. Piacere di conoscerti. Io sono Emma." E allungò la mano. E fu allora che tutto cominciò ad andare storto.

Scrivo questo ora con il favore e la chiarezza del senno di poi e alcune spiegazioni di terzi. All'epoca le cose erano... sfocate. Ma secondo il mio miglior resoconto, questo è quello che è successo.

Allungai la mano per stringerla, come si fa. Ma fui interrotta. Prima che potessi stringerle la mano, l'altra mano si avvicinò e mi afferrò per il polso, forzando la mia mano in modo che guardassi il mio palmo. E questo è ciò che disse (o così mi è stato detto), chiaramente ma con una certa forza:

" Guardati la mano, osserva come i tuoi occhi cercano di metterla a fuoco mentre si avvicina sempre di più ".

Cominciò a spostare la mia mano sempre più vicino al mio viso. O cominciò a muoversi. Non ne sono sicura.

"I tuoi occhi non riescono a rimanere concentrati mentre si avvicina sempre di più, e tu vuoi solo chiudere quegli occhi pesanti, e quando i polpastrelli toccheranno la tua fronte ti addormenterai!"

E aveva ragione. Sentii la mia testa cadere in avanti fino al petto, e i miei occhi chiudersi di colpo. Ricordo che cercavo di pensare. Cercavo di mettere insieme i pezzi di quello che stava succedendo... ma era così veloce e così improvviso che non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Ricordo vagamente che Emma mi teneva e mi accarezzava la testa e il braccio. Mi stava parlando, ma non ricordo esattamente cosa stesse dicendo. Sapevo solo che ero al sicuro e rilassata e pensai tra me e me... assecondavo queste sensazioni. O forse è quello che mi stava dicendo.

E poi ero sveglia. Ancora sulla porta con Cat accanto a me ed Emma di fronte a me. Ero completamente consapevole di quello che era appena successo.

"Mi hai appena ipnotizzata?"

Emma sorrise. "L'ho fatto, e sei stata bravissima. Sei un soggetto eccellente. Cat mi dice che hai un'immaginazione molto vivida. Ecco, andiamo più a fondo".

Mi mise una mano sulla spalla.

"Aspetta..." iniziai a obiettare, ma era troppo tardi.

"Un sonno profondo".

E sentii che tutto diventava di nuovo buio. Buio, profondo e silenzioso, tranne che per la sua voce. Tutto il resto svanì, i suoni della festa all'interno, l'aria fresca sulla mia pelle nuda... tutto ciò che potevo sentire era la sua voce e il desiderio di fare le cose che mi diceva di fare. Anche se non ero consapevole di quali fossero quelle cose.

E poi ero di nuovo sveglia. Così.

"Come ti senti?" chiese lei.

"Onestamente", risposi. "Un po' eccitata. È strano?"

"No", si avvicinò. "Fa caldo. Vieni dentro. Bevi qualcosa. Mettiti comoda. Tra poco cominciamo".

Ci fece entrare. La casa era incredibile. Emanava un fascino d'altri tempi. Mi pareva di essere in un antico maniero di campagna di qualche ricco nobilastro. La festa era in fermento nel salone. C'era uno strano assortimento di persone. Eravamo probabilmente le più giovani in un gruppo di forse 12 persone, alcuni sui 20 e altri fino ai 50, a voler tirare a indovinare. Per fortuna eravamo vestite in modo appropriato. Il tema della eleganza/sexy sembrava essere seguito da tutti, anche se un giovane uomo era vestito solo con pantaloni di latex attillati. Stava chiacchierando con due donne vestite molto professionalmente. Le guardai mentre lo mandavano a prendere i loro drink. Curioso ho pensato.

Prima ancora che avessi la possibilità di prendere un drink, Emma applaudì per attirare l'attenzione di tutti. La musica si spense ed Emma si mise davanti al camino. Davanti a lei c'erano tre sedie. La gente cominciò a radunarsi intorno, prendendo posto intorno al lato per avere una buona visuale. Io e Cat eravamo in piedi vicino al bar.

Emma iniziò. "Buona sera a tutti. Bentornati alla maggior parte di voi e benvenute, per la prima volta, a due di voi". Emma fece un gesto verso di noi. La gente si girò a guardarci. Diventai consapevole di tutti quegli occhi puntati su di noi. Provai trepidazione e un lieve imbarazzo. Cosa stava per succedere davanti a tutti questi estranei?

Emma continuò. "Non voglio rovinare la sorpresa del tema della serata. È noto solo a uno di voi. Beh, forse due". Gesticolò di nuovo verso di noi. Che cosa significava? Aspetta, stava per ipnotizzare un gruppo di persone per farle credere di essere cani? È questo che Cat intendeva per "festa dei cuccioli"? Improvvisamente mi sentii molto nervosa. Tutti questi estranei. Mi guarderanno. Mi vedranno comportarmi come un cane. Fino a quando Emma non mi aveva ipnotizzato, non pensavo nemmeno che avrebbe funzionato. Ma ora...

Emma interruppe i miei pensieri. "Ora chi vuole essere un cucciolo?"

Al sentire queste parole fui colta da un'idea che sembrava venire dal nulla. Dovevo andare su e sedermi su una di quelle sedie nella parte anteriore della stanza. Ricordo che non volevo farlo. Il mio cervello cosciente era così nervoso e così imbarazzato che avevo deciso che non volevo essere ipnotizzata e pensare di essere un cucciolo. Volevo solo rimanere al bar, bere un po' e vedere cosa succedeva.

Ma ora... ora stavo provando questa strana ansia perché non volevo andare su a sedermi su una di quelle sedie. Sentivo il cuore battere più forte ogni momento che passava senza che andassi verso le sedie. Sentivo come se fosse terribilmente sbagliato non andare su. Feci un timido passo avanti e fui ricompensata da una cessazione quasi istantanea della mia ansia.

Feci un altro passo e sentii un altro grande sollievo per il fatto che mi stavo muovendo verso le sedie. Questo fu sufficiente a fare chiarezza. Dovevo sedermi su una di quelle sedie. Improvvisamente mi prese l'idea che forse non c'erano abbastanza sedie, e cominciai a camminare più in fretta. In breve tempo stavo quasi correndo verso la sedia e quando mi sedetti sentii questo fremito di piacere attraversarmi; mi sentivo così bene e così a posto a sedermi su quella sedia, cominciai a rilassarmi, sollevata dal fatto di averlo fatto. Era strano, non mi sentivo ipnotizzata. Mi sentivo come se fossi totalmente in controllo di me stessa, semplicemente desideravo sedermi su una di quelle sedie.

Guardai accanto a me. Entrambe le sedie erano occupate da persone che sembravano similmente sollevate di esservi sedute. Dall'altra parte c'era il giovane uomo a torso nudo. Si dondolava con la testa, apparentemente a suo agio sulla sedia. Accanto a me c'era una donna leggermente più vecchia. Forse 30 anni. Sembrava piuttosto conservativa in una bella camicetta e pantaloni; come se potesse essere la mamma di qualcuno. Si stava apertamente accarezzando sulla sedia, strofinandosi le tette e facendo profondi sospiri.

Emma passò davanti a noi e si voltò verso di noi.

"Siete tutti comodi?"

"Sì." Rispondemmo tutti all'unisono. La testa della donna accanto a me si abbassò profondamente e le sue mani caddero sui fianchi. Il giovane stava ancora ciondolando. Mi sentivo... uguale a prima. Profondamente curiosa, ma non credo di essere stata ipnotizzata.

Emma si avvicinò alla donna accanto a me. Le mise una mano sulla spalla e la sentii dire: "Dormi profondamente, Carol. Dormi profondamente". E la vidi crollare ancora più profondamente.

Poi si mise di fronte a me. Si inginocchiò.

"Come ti senti?" mi chiese.

"Beh... non credo di essere ipnotizzata... ma sta succedendo qualcosa. Voglio dire... mi sentivo come se avessi davvero, davvero bisogno di sedermi su una di queste sedie".

Si avvicinò, allargando le mie gambe per infilarsi in mezzo. Non avevo mai avuto un'altra amante oltre a Cat. Ma potevo vedermi con Emma. Mi chiedevo cosa ne pensasse Cat. Spero che non si stesse ingelosendo. Specialmente quando allungò entrambe le mani e le mise dietro la mia testa, rendendo il momento ancora più intima. Parlò a bassa voce in modo che solo io potessi sentirla.

"Potrebbe non sembrare che tu sia sotto ipnosi, ma ti assicuro che lo sei. Quell'impulso che hai sentito di sederti su una di queste sedie. Quella era una suggestione post-ipnotica. E tu l'hai seguita perfettamente. Stai andando benissimo. Sei un ottimo soggetto. Ora non ti metterò in una trance più profonda. Voglio che tu resti lì, e guardi... e immagini quello che succederà dopo. Ok?"

Sentivo una quantità pazzesca di fiducia in questa donna. Sembrava così strano. "Ok." Poi le sussurrai: "Ma devo dirti che... sono molto eccitata in questo momento. Penso che ti bagnerò tutta la sedia!".

Ero scioccata nel sentire quelle parole uscire dalla mia bocca. Non ho mai, mai parlato così! E ad una sconosciuta! Perché le ho parlato così?

Lei rise dolcemente. "Va bene... puoi bagnarti quanto vuoi. E se ti trovi molto eccitata, puoi giocare con te stessa. Puoi semplicemente far scivolare la tua mano giù e fare qualsiasi cosa tu abbia voglia di fare per sentirti bene. Tutti qui vogliono che tu ti senta bene e si divertirebbero molto a guardarti".

"Grazie!" Ho detto. Mi alzai la gonna e cominciai a strofinarmi delicatamente sulle mutande. Ero consapevole che la gente mi stava guardando, ma come disse Emma, era una bella sensazione.

Lei si alzò e si avvicinò al giovane uomo.

Camminò dietro di lui e schioccò improvvisamente le dita davanti alla sua faccia. "Dormi!" comandò e vidi la sua testa abbassarsi sul petto e tutti i movimenti fermarsi.

"Stai andando molto bene, Winston", la sentii dire. "Ora puoi entrare sempre più profondamente in trance, ascoltando ogni parola che dico e seguendo le mie istruzioni".

Si alzò e mise ciascuna delle sue mani sulle spalle di Carol e Winston. "Se vi sto toccando la spalla ora, ascoltatemi molto attentamente. Tra un momento schioccherò le dita, e quando lo farò scoprirete che state cadendo sotto l'influenza di un incantesimo molto potente. Questo incantesimo vi trasformerà in un bellissimo cucciolo giocoso. Non potrete parlare, potrete solo abbaiare. Non potrete camminare, potrete muovervi solo a quattro zampe, a meno che qualcuno non vi addestri a camminare solo sulle zampe posteriori. Questa trasformazione in un cucciolo è molto piacevole e più e più ti trasformi in un cucciolo, più piacere proverai. E uno... due....tre!

Schioccò entrambe le dita e quasi istantaneamente Winston e Carol si trasformarono. Beh, non letteralmente, ma si poteva vedere che ci provavano. Winston cadde immediatamente dalla sua sedia e cominciò a contorcersi. Si fece scappare qualche piccolo latrato e cominciò a dimenarsi un po'. Le due donne che erano venute con lui si avvicinarono e cominciarono a trattarlo come un cucciolo.

"Bravo Winston! Chi è un bravo ragazzo?" disse una di loro. E Winston abbaiò. Poi sembrò un po' a disagio e cercò di scrollarsi i pantaloni.

 

L'altra notò il suo disagio e si sforzò di aiutarlo. "Oh povero Winston!" esclamò. "Qualcuno ti ha messo dei pantaloni da uomo? Togliamoceli di dosso!"

Si inginocchiò, gli aprì la cerniera e cominciò a togliergli i pantaloni. Non indossava nulla sotto e potevo vedere che stava cominciando ad avere un'erezione. Mentre lei glieli faceva scivolare giù fino ai piedi, lui cominciò a scalciarli via, e poi si mise a sgambettare in giro, libero da tutti i vestiti, con il cazzo che si agitava libero.

Mise le zampe anteriori sul grembo di una donna e cominciò a leccare la sua guancia con entusiasmo. Il suo cazzo cominciò a spingere urgentemente sulla sua gamba.

"Cattivo Winston!" rimproverò la prima donna. "Giù!"

E Winston si staccò dalla donna e si raggomitolò a palla; sembrava triste di essere stato cattivo.

"Cosa c'è che non va in te Winston? Dove sono le buone maniere?", chiese lei. Winston non aveva altro da dire che tristi mugolii.

"Oh, io so cosa c'è che non va!" disse la seconda donna. E dal nulla produsse una grande coda di cane pelosa con un grosso buttplug attaccato alla base. "Ti manca la coda!"

La donna si avvicinò a Winston e gli diede un piccolo schiaffo sul sedere. "Alza la coda! Ordinò. E Winston alzò il sedere in aria.

Lei spalmò la spina con una generosa quantità di lubrificante, e poi con la stessa mano guantata, ne mise un bel po' anche in Winston.

Lo sentii guaire leggermente quando entrò, e poi un più profondo e piacevole lamento da cane.

"Sì, così va meglio, vero Winston?", tubò la donna. "Facciamo un numero e mostriamo a tutti che bravo cucciolo sei! Su Winston, su!"

Si alzò e levò la mano in alto nell'aria. Winston si alzò sulle zampe posteriori. Le sue braccia erano ripiegate davanti al petto come le zampe di un cane.

"Bravo!" Disse la donna. "Ora girati per tutti! Mostra loro che bravo cucciolo che sei!".

Winston si girò lentamente, stando in piedi sulle punte dei piedi come un cane. La sua erezione era in piena potenza ora. La sensazione della spina dentro di lui doveva essere un piacere straziante.

La donna applaudì e tutti gli altri, me compreso, seguirono l'esempio. Ripresi rapidamente la mia masturbazione. Non sembrava che stesse fingendo. Credevo che credesse veramente di essere un cane. E se poteva essere trasformato in un cane... significava che l'ipnosi era reale. Significava che ero ipnotizzata e che in un momento Emma mi avrebbe fatto fare tutto quello che voleva. Ebbi il mio primo orgasmo della notte con questo pensiero.

La donna poi allacciò un collare per cani intorno a Winston e lo condusse via al guinzaglio con l'altra donna. Pensavo a quello che stavano per fare con il loro cane obbediente e arrapato.

Nel frattempo Carol era scivolata tranquillamente dalla sua sedia e si era raggomitolata in una piccola palla e sembrava dormire. La sua mano era infilata come le zampe e ogni tanto la sua gamba si agitava come quando un cucciolo sta facendo un sogno.

Emma le si avvicinò e cominciò ad accarezzarle delicatamente i capelli. Un uomo e una donna si avvicinarono e cominciarono ad accarezzarla.

L'uomo parlò, a bassa voce come se fosse un cane. "Carol... oh Carol... chi è un cucciolo assonnato? E' ora di svegliarsi".

Aprì gli occhi e si leccò la bocca. Poi lasciò la lingua fuori mentre ansimava.

"Questa è la mia brava cagnolina!" E le porse una piccola caramella.

La donna parlò. "Sembri così scomoda in quei vestiti Carol. Vuoi che ti aiutiamo a toglierteli?".

Carol abbaiò in modo affermativo e alzò le mani.

La coppia aiutò Carol a togliersi la camicetta. Poi la fecero mettere a quattro zampe e la aiutarono a togliersi la gonna. Non indossava nulla sotto e aveva un cespuglio deliziosamente selvaggio che sbirciava da dietro. Sembrava piuttosto bagnato.

Pensai per un momento alla mia figa che certamente sarebbe stata esposta molto presto. Normalmente sarei stata piuttosto seccata a riguardo, ma per qualche ragione (anche se posso indovinare perché, beh, sono ipnotizzata!) mi stava bene che la gente guardasse la figa discretamente rasata.

La coppia cominciò ad accarezzare e a coccolare Carol che posava per loro. Incoraggiarono altre persone a partecipare, e ben presto ci fu un piccolo cerchio di persone sedute e inginocchiate intorno a questa donna che pensava di essere un cane. La accarezzavano, la coccolavano, le davano leggeri grattini. Sembrava paradisiaco.

La donna mise un collare al collo di Carol e la condusse in un'altra stanza. Tutti, eccetto Emma, Cat ed io, la seguirono e mi chiesi se stavano tutti per scoparla. Forse alcuni volevano solo guardare. Ho immaginato l'uomo che la montava alla pecorina mentre tutti guardavano. Questo scatenò il mio secondo orgasmo.

Mentre i miei gemiti si affievolivano, la stanza divenne molto silenziosa e mi resi conto che solo Emma, Cat ed io eravamo rimasti. Cat mi guardò bramosa. Si stava distrattamente accarezzando il seno. Sono sicura che tutte queste trasformazioni da cucciolo l'avevano ridotta ad una pozzanghera sudata. Guardai lei ed Emma.

"Mi dispiace, ma non riesco a smettere di masturbarmi". Dissi. Cercai di imporre a me stessa di smettere, ma per qualche motivo non ci riuscii. Di nuovo, duh sono ipnotizzata.

"Perché pensi di non riuscire a smettere di giocare con te stessa?" chiese Emma.

"Sono abbastanza sicura che sia perché mi hai ipnotizzato! Duh!" Risposi.

"Allora", continuò Emma. "Masturbarsi di fronte a una folla di persone è qualcosa che faresti normalmente?"

Trasalii. "Certo che no!"

"Questo significa che allora devi essere profondamente ipnotizzata. Profondamente condizionata ad ascoltare la mia voce e a seguire i miei comandi" disse.

"Sì." Dissi. E arrivai ad una consapevolezza. A volte una persona ipnotizzata non pensa di essere ipnotizzata e diventa non collaborativa. Di solito un ipnotizzatore, come mia madre, direbbe ad un paziente che non è in grado di aprire gli occhi, e poi gli farebbe provare a farlo. Quando non ci riescono, beh, allora sono convinti di essere ipnotizzati e seguiranno i suggerimenti molto più facilmente.

Ed ecco il punto. Anche se ho tutte queste conoscenze sull'ipnosi, e so esattamente cosa mi sta facendo, ERO convinta. Mi aveva ipnotizzato completamente e io ero schiava della sua volontà. Se mi aveva fatto fare questo, poteva farmi fare qualsiasi cosa.

Mi guardava come se potesse leggermi nel pensiero. "Proprio così", disse. "Posso farti fare tutto quello che il mio cuore desidera. E in questo momento voglio vedere due cani che ci danno dentro".

Guardai Cat. Sembrava confusa quanto me, e parlò.

"Due cani?" chiese ingenuamente. "Con chi giocherà?"

Emma rise. "Non è ovvio, Cat? Sei tu, mia cara. È l'ora dei cuccioli, Catherine".

A quelle parole vidi un cambiamento in Cat. I suoi occhi sembrarono velarsi proprio mentre si rendeva conto di ciò che stava accadendo. Ma era troppo tardi per fare qualcosa. Rilassò il viso e le mani le caddero dai seni. Immediatamente si alzò e cominciò a scivolare fuori dal vestito. Si muoveva come una sonnambula. Non manco mai di stupirmi di fronte al suo corpo. Così alto e atletico. Seni piccoli, perfetti per il suo corpo, un culo ben scolpito e un grande stomaco sodo. E appena tolto il perizoma, cadde immediatamente a quattro zampe e cominciò a camminare come un cane.

Emma abbassò una mano e Cat si avvicinò e cominciò a leccarla.

"Che brava cucciola".

Ora mi masturbavo ancora più furiosamente. Era incredibile.

"Sa che l'hai ipnotizzata?" Chiesi, senza fiato.

"Oh no", rispose Emma. "Non ha idea di essere stata sotto il mio incantesimo ipnotico per settimane. È così obbediente e reattiva. Ha aiutato il fatto che tua madre la sta ipnotizzando da un po' di tempo. Dovrò assolutamente insegnare anche a te come metterla sotto il tuo comando. Ti è così devota".

La mia mente vagava. Mia madre stava ipnotizzando la mia ragazza? Sapevo che parlavano di tanto in tanto, che avrebbero anche fatto uno Zoom, ma questo... non ero sicura di cosa pensare. Presi una nota mentale per ricordarmelo e approfondire.

Emma passò la mano tra i capelli di Cat, e Cat emise alcuni guaiti di approvazione. Poi Emma rivolse di nuovo il suo sguardo a me.

"Ma le ho promesso di trasformarti in un cucciolo e, beh, io mantengo le mie promesse". Emma sorrise. "È l'ora del cucciolo, Samantha".

E proprio così, fu come se un interruttore fosse stato girato nella mia testa; non più un umano, ma un cane. Guardai le mie mani e vidi che si stavano lentamente trasformando in zampe. Il mio primo pensiero in preda al panico non fu la preoccupazione che mi stavo trasformando in un cane, ma che dovevo togliermi i vestiti finché potevo. Mi alzai e mi tolsi velocemente gli slip, la gonna e la camicia, in quest'ordine. Mi preoccupavo soprattutto delle mutande perché non volevo che ostacolassero la mia coda. E di sicuro, non appena le mutande toccarono il pavimento, cominciai a sentirla crescere sul retro del mio coccige. Mi girai e vidi una coda scura, morbida e pelosa che cominciava a crescere. Mi fece venire i brividi lungo la schiena mentre cresceva. Infatti c'era una morbida pelliccia che cresceva su tutto il mio corpo. A quanto pare sono una razza a pelo corto.

Non appena la maglietta mi fu tolta, mi misi in ginocchio, per evitare di ribaltarmi quando il mio corpo si sarebbe trasformato completamente. Le mie gambe si stavano trasformando in zampe posteriori, e le mie mani ora erano quasi completamente zampe. Sentii le mie orecchie diventare flosce. Sentivo il mio naso trasformarsi. Pensai alla trasformazione in Un lupo mannaro americano a Londra, ma invece del dolore, tutto era incredibilmente piacevole.

Allungai una zampa tra le gambe e sentii il pelo che copriva le mie labbra paffute. Inarcai la schiena. Volevo essere riempita. Volevo disperatamente essere riempita. L'aria aveva un odore muschiato e immediatamente capii il perché. Devo essere in calore. Ecco perché ho bisogno di essere riempita così tanto. È pura biologia.

Guardai Emma e Cat. Emma stava facendo qualcosa a Cat che non riuscivo a capire bene. Qualcosa intorno alla sua zona inguinale. Trotterellai per dare un'occhiata più da vicino e per darle qualche timida leccata.

Sembrava che Cat si fosse trasformata in un cane maschio, dato che ora aveva un enorme pene eretto tra le gambe. Naturalmente scoprii più tardi che Emma le aveva montato uno strap-on, ma in quel momento ero convinta che le fosse cresciuto un pene.

Mi avvicinai al suo bel viso e lo leccai con passione. Lei mi leccò a sua volta. E poi ancora. E ancora. Presto mi stava leccando dappertutto. Si abbassò e mi leccò i seni. Mi leccò lungo tutto il fianco e lungo la schiena. Quando si mise dietro di me, sapevo cosa dovevo fare. Mi piegai in basso e mi presentai a lei.

Potevo sentire Cat annusarmi il culo e la figa. Potevo sentirla leccare tutto intorno e poi sentii la sua lingua sfrecciare in profondità dentro di me. Ho latrato dolcemente. E poi. E poi ho sentito le sue zampe sul mio culo. Poi sulla mia schiena e sapevo che mi stava montando.

Mi sono sostenuta. E poi l'ho sentito. Il suo meraviglioso cazzo che scivolava dentro di me. Ululai. Cat ululò. E abbiamo scopato. O meglio, lei ha scopato me. Dentro e fuori questo delizioso cazzo entrò profondamente dentro di me. Potevo sentire i seni di Cat sulla mia schiena mentre si chinava per avere più contatto possibile tra i nostri peli.

Non so per quanto tempo andammo avanti. Potevo vedere Emma di fronte a noi. Era sdraiata su una sedia e si masturbava liberamente guardandoci. Ero felice di piacerle. Le spinte di Cat divennero più urgenti. Sapevo che era vicina a venire. Cominciò ad abbaiare follemente. Questo mi fece abbaiare follemente. Sono venuta di nuovo. E poi la sentii tremare e crollare su di me mentre emetteva un forte rantolo.

Caddi in avanti e lei si sdraiò sopra di me, il suo cazzo ancora in profondità dentro di me, ma ora era fermo.

Emma si mise sul pavimento con noi, di fronte a noi.

"Oh, le mie adorabili cucciole", ha tubato. "Sono davvero contenta, siete proprio delle brave cucciolotte".

Mise una mano sulla testa di ciascuna. "Ma ora è il momento di dormire. È ora di cadere in un sonno profondo, profondo, e sognare i vostri sogni di cuccioli".

Schioccò entrambe le dita e scoprii che non riuscivo più a tenere gli occhi aperti, anche se mi sforzavo di farlo. Sentii Cat crollare sopra di me e capii che aveva ceduto. Alla fine non riuscii più a tenere gli occhi aperti e andai alla deriva in un sonno profondo e irresistibile, proprio come un cucciolo stanco e assonnato.

 

Storia di Glass O
Scrivi all'autore

Alcuni contenuti sono ipnotici o erotici, abilitali nelle impostazioni

ipnosieroticaheader